Ogni tanto usa anche la penna

abitudini

I pc hanno cambiato le nostre vite e i nostri modi di essere. La tastiera qwerty e i sistemi di correzione automatica ci hanno permesso, non solo di arrivare a scrivere migliaia di parole molto velocemente e di aumentare il carico di messaggi inviati (vedi email ad esempio), ma ci hanno fatto perdere l’utilizzo della testa mentre si scrive.

Nella maggior parte dei casi questo non è poi così sbagliato. Ad esempio io posso scrivere per un’ora senza preoccuparmi di errori di battitura o concetti errati e poi correggere dopo con calma. Con questo sistema riduco di molto il tempo rispetto alla classica scrittura sul foglio.

In alcuni momenti però ho ancora bisogno della carta e della penna.

Sono dell’idea che quando scriviamo sulla carta le cose ci restano più impresse, prestiamo più attenzione all’elaborazione del nostro pensiero e diamo più valore alle cose che scriviamo.

Se ad esempio devo scrivere una lista di obiettivi, oppure prendere appunti creativi o magari elaborare la strategia di un flusso di traffico web preferisco sempre la carta. Grazie alla carta internalizzo i miei obiettivi, sviluppo più creatività e in più riesco a visualizzare meglio schemi e immagini astratte.

Qualche volta prova a usare la penna per fare quello che solitamente fai al computer, potresti scoprire che molte attività ti riescono meglio con il vecchio foglio di carta!

Print Friendly, PDF & Email

Amedeo Landi

Marketer e Co-founder di Scroller. Esperto Social Media Marketing, SEO, SEM e Analytics. Credo nel marketing (quello vero) e sono "quasi" un nativo Digitale. Davanti a un'analisi di mercato, a numeri statistici e grafici a torta vado in brodo di giuggiole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *